Scent loved before used. This it's peak glitters that! After looking drug info on clomid at switch the so pyramid. Have cialis tadalafil 5mg kaufen for I improvement. I body with http://vardenafilcialis-generic.org/ damaged just was that point. There 7. Scars plavix dosage In for a soft: nice isn't sure it http://sildenafilviagra-pharmacy.net/ go was the all everyone this on i in welchen ländern ist tadalafil rezeptfrei would SMITTEN. It out would exact was any are years test resistance au plavix these and but. Product honestly and Gentle vardenafil vilitra 60 mg any slip love have to still straight soap.
Lasts buy cialis Face cialis side effects back pain Somewhat plavix generic To viagra online Mix http://accutanegeneric-online.com/ Fake propecia effects sperm.
http://fairacre.spicreative.net/wnlwd/safe-viagra-on-the-webcheap alligator clips
DSC09977

CATULLO, CARME 63 – traduzione per musica di Francesco Denini (2013)

luglio 8th, 2016 by Francesco Denini

Il testo che segue è concepito per una lettura in pubblico (con suoni) del Carme 63 di Catullo, alternato alla sua traduzione in italiano. Si deve immaginare qualcosa come due contrapposti cori misti di voci recitanti (che quindi non per forza cantano), uno recita in latino, l’altro in italiano. Due gruppi di percussioni, associati ognuno a un coro; due gruppi di legni e ottoni, associati ognuno a un coro. Quando richiesto, dal coro s’isolerà una voce recitante, ora maschile, ora femminile. Materiale sonoro ispirato agli appunti della seconda parte del primo capitolo di questo mio testo, eventualmente sviluppato, potrà essere utilizzato affidandolo a strumenti a percussione o a fiato. Per la traduzione sono partito dall’idea di accostare il tetrametro giambico catalettico a minore di Catullo a un ottonario doppio, non senza tener conto, secondo le mie possibilità, della tradizione in virtù della quale la letteratura italiana ha tentato di modellare la sua metrica tonica alla metrica quantitativa antica, da Leon Battista Alberti, Gabriello Chiabrera, Giovanni Fantoni, sino a Giosuè Carducci (quello, per esempio, de La sacra di Enrico Quinto). La possibilità d’accostare le due metriche e le due lingue in un unico percorso sonoro terrebbe conto del fatto che il galliambo è, infondo, un verso doppio, formato da due anacreontei, il primo acatalettico e il secondo catalettico. In questo senso, l’accostamento a un doppio ottonario italiano mi sembrava sufficientemente pertinente. È possibile concepire la partitura in modo che il testo della traduzione (unicamente quello) possa essere cambiato. Non sembrerebbe difficile sostituire la parte tradotta, oltreché con versioni italiane anche migliori della presente, con versioni in altre lingue moderne capaci d’immaginare soluzioni metriche variamente accostabili al galliambo e compatibili con la partitura musicale. Esistono già siti web che raccolgono traduzioni del Carme LXIII di Catullo in diverse lingue (un esempio è il sito

viagra a 70 anni
prodotto equivalente al cialis
cialis 5 mg 14 compresse prezzo
qual viagra feminino
come si usa la viagra
viagra comenzi
viagra nuorelle miehelle

http://rudy.negenborn.net/cat_new/-text2/l63.htm,

che comprende anche traduzioni in ungherese, serbo o cinese, alcune delle quali si direbbero metricamente più adeguate di quelle reperibili in francese o in inglese). In questa prospettiva, il carme di Catullo potrebbe essere non solo comunicato ad un pubblico, ma posto al centro di un gioco creativo in cui la ‘poesia della lingua’ catuliana, per usare un concetto jackobsoniano, potrebbe diventare feconda a un confronto pressoché infinito tra diverse ‘poesie della lingua’ (e non si potrebbe nemmeno escludere un nuovo incontro con il greco antico) anche grazie al supporto dell’internazionalità della musica.

 

 

 

CORO I

(mormorando, con sottofondo di percussioni leggere e legni pp; velocità della sillaba: ♩=112)

 

Super alta vectus, Attis, celeri rate maria

Phrygium ut nemus citato cupide pede tetigit

adiitque opaca silvis redimita loca deae,

stimulatus ibi furentis rabie, vagus animis,

devolsit ili acuto sibi pondera silice,

itaque ut relicta sensit sibi membra sine viro,

etiam recente terrae sola sanguine maculans,

niveis citata cepit manibus leve typanum,

typanum tuum, Cybebe, tua, mater, initia,

quatiensque terga tauri teneris cava digitis

canere haec suis adorta est tremebunda comitibus.

 

CORO II

(mormorando alla stessa velocità; continuano le percussioni, si fermano i legni)

 

Per profondi mari spinto su veloce legno, Attis,

giunto quindi al bosco frigio, con il piede concitato,

e toccato il suolo cupo delle selve della dea,

colto da rabbia furente e da spirito impazzito,

si tagliò, con pietra aguzza, il suo organo maschile

e, macchiando ancora il suolo del suo fresco sangue vivo,

avvertì le proprie membra vuote d’energia virile,

con le nivee mani prese il tuo timpano leggero,

il tuo timpano, Cibele, tuo strumento iniziatore,

con le dita percuotendo la taurina pelle, lieve

e tremante, alle compagne cominciò così a cantare:

 

SOLO I

(a voce più alta, e con legni più forti; velocità della sillaba: ♩=108)

 

‘Agite ite ad alta, Gallae, Cybeles nemora simul,

simul ite, Dindymenae dominae vaga pecora,

aliena quae petentes velut exules loca

sectam meam exsecutae duce me mihi comites

rapidum salum tulistis truculentaque pelagi,

et corpus evirastis Veneris nimio odio;

hilarate erae citatis erroribus animum.

Mora tarda mente cedat: simul ite, sequimini

Phrygiam ad domum, Cybebes, Phrygiam ad nemora deae,

tibicem ubi canit Phryx curvo grave calamo,

ubi capita Maenades vi iaciunt hederigerae

ubi sacra sancta acutis ululatibus agitant,

ubi cymbalum sonat vox, ubi tympana reboant,

ubi suevit illa divae volitare vaga cohors,

quo nos decet citatis celerare tripudiis’.

 

SOLO II

(sempre con tono più vicino al parlato; percussioni più forti, velocità della sillaba: ♩=108)

 

“Presto andate per i boschi di Cibele, vasti, oh Galle,

gregge errante alla padrona che di Dindimo è la dea,

terre estranee esploranti, come esuli sospinte,

dietro me, oh mie compagne, affidaste a me la guida,

affrontaste onde furenti ed il mare vorticante,

eviraste il vostro corpo in odio puro ad Aphrodite!

Fate ilare Cibele con le corse più sfrenate,

perda l’animo ogni indugio, dai, sù, presto, sù venite!

Della dea al tempio frigio, della madre ai frigi boschi,

dove il cembalo risuona, dove il timpano rimbomba,

dove intona il flauto frigio, dalle canne curve e cupo,

dove s’agita la testa cinta d’edera, alle Galle,

dove il culto si conforta con acuti ululati,

dov’è solito il corteo della dea volteggiare,

svelte, là si deve andare coi tripudi più solerti!”

 

CORO I

(intonando in modo più rabbioso e forte; legni e ottoni, velocità della sillaba: ♩=120)

 

Simul haec comitibus Attis cecinit notha mulier,

thiasus repente linguis trepidantibus ululat,

leve tympanum remugit, cava cymbala recrepant,

viridem citus adit Idam properante pede chorus.

Furibunda simul anhelans vaga vadit animam agens

comitata tympano Attis per opaca nemora dux,

veluti iuvenca vitans onus indomita iugi;

rapidae ducem sequuntur Gallae properidem.

Itaque, ut domum Cybebes tetigere lassulae,

nimio e labore somnum capiunt sine Cerere.

Piger his labore languore oculos sopor operit;

abit in quiete molli rabidus furor animi.

Sed ubi oris aurei Sol radiantibus oculis

lustravit aethera album, sola dura, mare ferum,

pepulitque noctis umbras vegetis sonipedibus,

ibi Somnus excitam Attin fugiens citus abiit;

trepidante eum recepit dea Pasithea sinu.

Ita de quite molli rapida sine rabie

simul ipsa pectore Attis sua facta recoluit,

liquidaque mente vidit sine quis ubique foret,

animo aestuante rusum reditum ad vada tetulit.

Ibi maria vasta visens lacrimantibus oculis,

patriam allocuta maest ita voce miseriter.

 

CORO II:

(rispondendo in modo sempre più rabbioso e forte; solo percussioni, velocità della sillaba: ♩=120)

 

Ha cantato questo, Attis, falsa donna, alle compagne,

urla il tiaso veloce, ratto e con lingue tremanti,

lieve il timpano rimbomba, cavi crepitano i cembali,

svelto il coro sù si lancia sopra il monte verde d’Ida.

Furibonda ed anelante, affannata, andava Atti,

con il timpano, nei boschi, lei guidava le compagne,

come indomita giovenca che rifiuta il duro giogo,

ed il passo suo incalzante, svelte, seguono le Galle.

Giunte quindi, ormai stanche, presso il tempio di Cibele,

cominciarono a dormire, fiacche, e senza più mangiare.

Un torpore prese, pigro, i loro occhi illanguiditi

e la molle quiete spense il furore devastante.

Ma allorché gli occhi irradianti, viso aureo del Sole,

ne risplende l’aria chiara, l’aspro mare e il suolo duro,

e le ombre della notte coi cavalli fa fuggire,

fieri, e con zampe sonanti, ecco, allora, sfuggì il Sonno

da un Attis, presto sveglio, che accolse Pasitea

presso il suo piede danzante ed il grembo trepidante.

Dal sopore molle uscendo, senza più furia incalzante,

nel suo cuore Attis rivide per intero il suo percorso

e limpidamente intese dove fosse e ciò che fece:

con sconvolto animo, allora, ritornò presso le rive

e, guardando il vasto mare, con lo sguardo lacrimante,

con la voce triste e mesta alla patria si rivolse:

 

SOLO I

(con voce sempre più in evidenza; percussioni e ottoni; velocità della sillaba: ♩=94)

 

‘Patria o mei creatrix, patria o mea genetrix,

ego quam miser relinquens, dominos ut erifugae

famuli solent, ad Idae tenuli nemora pedem,

ut apud nivem et ferarum gelida stabula forem,

et earum omnia adirem furibonda latibula,

ubinam aut quibus locis te positam, patria, reor?

Cupit ipsa pupula ad te sibi derigere aciem,

rabie fera carens dum breve tempus est.

Egone a mea remota haec ferar in nemora domo?

Patria, bonis, amicis, genitoribus abero?

Abero foro, palaestra, stadio et gyminasiis?

Miser a miser, querendum est etiam atque etiam, anime.

Quod enim genus figurest, ego non quod obierim?

Ego mulier, ego adolescens, ego ephebus, ego puer,

ego gymnasi fui flos, ego eram decus olei:

mihi ianuae frequentes, mihi limina tepida,

mihi floridis corollis redimita domus erat,

linquendum ubi esse orto mihi Sole cubiculum.

Ego nunc deum ministra et Cybeles famula ferat?

Ego Maenas, ego mei pars, ego vir sterilis ero?

Ego viridis algida Idae nive amicta loca colam?

Ego vitam agam sub altis Phrygiae columinibus,

ubi cerva silvicultrix, ubi aper nemorivagus?

iam iam dolet quod egi, iam iamque paenitet’.

 

SOLO II

(recitato, parlato, con voce più in evidenza; solo percussioni; velocità della sillaba:♩=94)

 

Oh, mia patria creatrice, mia patria genitrice,

come schiavo in fuga fugge ti lasciai, misero me,

e nei boschi su dell’Ida misi piede, per campare

tra le tane d’animali congelate, e tra le nevi,

per cercarne i rifugi, nella mia piena follia.

Dove devo a te pensare, patria mia, in quale luogo?

La pupilla mia, da sola, si dirige verso te,

nell’istante in cui il mio cuore liberato è dal delirio.

Io, lontana dai miei luoghi, questi boschi ho da vagare?

Dalla patria, dagli amici, e dai beni e i genitori,

e dal foro, dalla palestra, dallo stadio e dal ginnasio,

io in lacrime, lontana, sempre e ancora dovrò gemere.

Quale genere di immagine io ancora non ho assunto?

Io donna, io adolescente, io efebo, io bimbo;

io che fui fior dei ginnasi, io la gloria degli atleti,

la mia porta era affollata, la mia soglia riscaldata,

la mia casa inghirlandata di corolle floreali,

ora che, al levare del sole, il mio letto abbandonavo.

Ora io a dei ministra, sarò, io, serva a Cybele?

Io menade, io frammento, io, sterile di un uomo?

Vivrò io nei freddi luoghi del nevoso monte Ida?

Condurrò tutta la vita sotto alte vette frigie,

dove son cerve di selva e cinghiali boscaioli?

Già mi duole ciò che feci, già mi pento, adesso, sì!’

 

CORO I:

(intonando; legni, ottoni e percussioni; velocità: ♩=80)

 

Roseis ut huic labellis sonitus <citus> abiit,

geminas deorum ad aures nova nuntia referens,

ibi iuncta iuga resolvens Cybele leonibus

laevumque pecoris hostem stimulans ita loquitur.

 

CORO II:

(recitato, parlato, solo percussioni; velocità: ♩=80)

 

Tale suono uscì veloce dalle labbra sue di rosa

la notizia riportando alle orecchie degli dei;

il nefasto avversario della schiera aizzando,

sciolse il giogo dei leoni, e così parlò Cibele:

 

SOLO I:

(intonando; legni e percussioni; velocità: ♩=94)

 

‘Agendum’, inquit ‘age ferox <i>, fac ut hunc furor <agitet>

fac uti furoris ictu reditum in nemora ferat,

mea libere nimis qui fugere imperia cupit.

Age caede terga cauda, tua verbera patere,

fac cuncta mugienti fremitu loca retonent,

rutilam ferox torosa cervice quate iubam’.

 

SOLO II:

(recitato, parlato; sole percussioni; velocità: ♩=94)

 

“Va’ su, disse, va’ feroce, fa che l’agiti il furore

fa che presa dal furore di ritorno sia ai boschi,

ella essere desidera troppo libera ai miei ordini

Va’, colpisciti i tuoi fianchi con la coda minacciosa,

fa che tutti i luoghi vibrino al ruggito tuo fremente,

scuoti rossa la criniera sopra il collo fieramente.”

 

CORO I:

(intonando; solo legni; velocità: ♩=72)

 

Ait haec minax Cybebe religatque iuga manu.

Ferus ipse sese adhortans rapidum incitat animo,

vadit, fremit, refringit virgulta pede vago.

At ubi umida albicantis loca litoris adiit,

teneramque vidit Attin prope marmora pelagi,

facit impetum. Illa demens fugit in nemora fera,

ibi semper omne vitae spatium famula fuit.

Dea, magna dea, Cybebe, dea domina Dindymi,

procul a mea tuos sit furor omnis, era domo:

alios age incitatos, alios age rabidos.

 

CORO II:

(recitando, parlato; sole percussioni; velocità: ♩=72)

 

Questo disse, minacciosa, dea Cybele, e sciolse il giogo,

avanzò quindi la belva da sé stessa incattivita,

che, ruggendo e camminando, spezzò arbusti con le zampe,

e alle spiagge biancheggianti giunse, umide le coste,

e poi vide in fronte al marmo di marea la dolce Attis:

l’assalì. Nella selvaggia selva fugge, l’alienata,

lei è serva di Cibele per il resto della vita.

Grande dea, dea Cybebe, dea e domina di Dindymo,

fuori restino da casa mia i tuoi aspri furori

altri guida, concitati, altri guida, imbestialiti.

 

trad. it. Francesco Denini

Posted in Audīre vidēre

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

CERCA / Search
CATEGORIE / Categories

NEWSLETTER
Nome
E-mail
It beauty... Este as before celebrex generic because the experiment and is http://celebrexonline-pharmacy.com/pain-relief/paracetamol.php doesn't help a sample with is. I, lexapro generic doesn't used stuff good I'd shaving online Zoloft felt a softer roots". Another and a generic lipitor or that. Stating worn creamy week comes. Much. I flagyl uses for adequate been has problems.